Home / NEWS / ALTRE SQUADRE / Champions, Asensio ko… per un pelo!

Champions, Asensio ko… per un pelo!

Marco Asensio, giovane fuoriclasse del Real Madrid, salterà la sfida di Champions League con l’APOEL per un infortunio davvero molto particolare.

Asensio salta l’APOEL… per un pelo!

Ad annunciarlo era stato lo stesso Zinedine Zidane nella consueta conferenza stampa pre partita, ma sia i giornalisti che i tifosi stentavano a credere alle parole dell’allenatore del Real Madrid.

E invece è tutto vero: il tecnico francese dovrà fare a meno, nell’esordio di questa edizione della Champions League contro l’APOEL, della giovane stella spagnola Marco Asensio per un pelo.

Sì, avete capito bene, non è una bufala né una battuta di Zidane: il numero 20 del Real è davvero alle prese con un problema davvero insolito legato ad un problema sorto in seguito alla depilazione.

Si sa che quasi tutti i calciatori si sottopongono alla depilazione per evitare fastidi o complicazioni in caso, per esempio, di tagli durante allenamenti o partite.

Nel caso di Asensio, invece, qualcosa è andato storto da subito: pare, infatti, che un pelo della gamba dell’attaccante si sia infettato in seguito alla depilazione e abbia creato questo particolarissimo problema, che crea al giocatore un fastidio durante i movimenti e la corsa.

L’allenatore dei campioni d’Europa in carica ha quindi deciso di escluderlo dalla lista dei convocati per la sfida del Bernabeu di questa sera contro i ciprioti.

Asensio per questo assurdo “infortunio” dovrebbe comunque restare ai box per un tempo abbastanza breve: dopo la partita con l’APOEL, lo spagnolo potrebbe infatti già tornare ad allenarsi insieme ai compagni ed essere a disposizione di Zizou Zidane per la trasferta di domenica all’Anoeta di San Sebastian, dove ad attendere i Blancos ci sarà la Real Sociedad.

su Marco Mincione

Marco Mincione, nato a Paola (CS) il 08/06/1991. Studio Chimica Farmaceutica ma amo lo sport, il calcio e, soprattutto, la Juventus, che antepongo praticamente a tutto. Tra un esame e l'altro, "gioco" a fare il giornalista, sperando che in futuro diventi qualcosa in più di un gioco......

GUARDA ANCHE

milioni

Quando neanche 38 milioni di buoni motivi bastano per essere felici

L’argentino, nonostante i fior di milioni previsti dal suo contratto, ha da tempo manifestato la …