Home / NEWS / ALTRE SQUADRE / Vicenda Fideiussioni: “Ecco perchè le abbiamo concesse…”
Vicenda
Vicenda fideiussioni: ecco la motivazioni del perchè sono state concesse!

Vicenda Fideiussioni: “Ecco perchè le abbiamo concesse…”

La vicenda delle fideiussioni di Bonucci e Biglia è finita: adesso scende in campo il presidente della banca IFIS e spiega perché hanno concesso le fideiussioni al Milan.

La vicenda Fideiussioni è chiusa!

La vicenda delle mancate fideiussioni ha scosso tutti: ha fatto tremare il Milan che si vedeva sfumare all’ultimo Biglia ma soprattutto Bonucci e ha creato la “gioia” nei tifosi Juventini per vendicarsi del tradimento.

Dopo qualche giorno, tra lo stupore generale, la questione si è velocemente risolta con Fassone che diceva:

0 Non abbiamo mai temuto di poter perdere Bonucci e Biglia. Sapevamo che sarebbe andata a finire così”.

Il presidente Bossi, in un’intervista rilasciata a Business Insider, spiega il motivo della concessione di tali fideiussioni:

“In una operazione di questo tipo è centrale prendere rischi in maniera consapevole e noi lo abbiamo fatto. Abbiamo guardato tutta l’operazione e abbiamo deciso che ci stava perfettamente, sappiamo fare le nostre valutazioni e lo abbiamo fatto anche per Bonucci e Biglia. Per noi si è trattato di normale amministrazione”.

Infine sdrammatizza la situazione con una battuta sul dirigente che ha firmato la concessione:

“Per noi queste fideiussioni sono state un po’ come una passeggiata, per il nostro dirigente che le ha firmate ed è interista decisamente meno…”.

La vicenda fideiussioni, così,è definitivamente chiusa e per il Milan ormai è solo acqua passata.

Altri articoli interessanti qui sotto:

su Giovanni Esposito

Sono un articolista e un tifoso della Juventus, ho la passione per lo sport e specialmente per il calcio siccome lo seguo fin da bambino.

GUARDA ANCHE

milioni

Quando neanche 38 milioni di buoni motivi bastano per essere felici

L’argentino, nonostante i fior di milioni previsti dal suo contratto, ha da tempo manifestato la …